Iscriviti alla Newsletter!


Dati trattati in conf. con DLGS 196/03

Calendario


Novembre 2018
D L M M G V S
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30

News

Il Disturbo da Attacchi di Panico

Il Disturbo da Attacchi di Panico

Nuove prospettive secondo la metodologia Funzionale (1° PAR ...

DEGLUTIZIONE DEVIATA, DISFUNZIONALE o più comunemente detta “ATIPICA”

DEGLUTIZIONE DEVIATA, DISFUNZIONALE o più comunemente detta “ATIPICA”

Che cosa è la DEGLUTIZIONE DEVIATA e come si tratta? La deg ...

NEOFUZIONALISMO E SCIENZA INTEGRATE - Rivista

NEOFUZIONALISMO E SCIENZA INTEGRATE - Rivista

Carissimi lettori, è un piacere di comunicarvi la pubb ...

I DISTURBI DI APPRENDIMENTO: COSA FARE E COME FARE

I DISTURBI DI APPRENDIMENTO: COSA FARE E COME FARE

Iniziamo con la traduzione delle sigle. DSA: Disturbo Specif ...

Il Disturbo da Attacchi di Panico - DAP

Il Disturbo da Attacchi di Panico - DAP

NUOVE PROSPETTIVE SECONDO LA METODOLOGIA FUNZIONALE (2°PARTE ...

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

rivista-psicologia-n4-Medicina-Psicologia-Mente-Corpo
Carissimi lettori,

è un piacere di comunicarvi la pubblicazione n.4 della Rivista di Psicologia Funzionale “Neo Funzionalismo e Scienze Integrate”.

In questo numero si parla di Medicina e Psicologia, approfondendo la dicotomia Mente-Corpo.

E' possibile scaricare direttamente la rivista a questo link:

http://www.psicologiafunzionale.it/sef/rivista-psicologia-pdf-sif/?affiliates=4

 

Speriamo che sia informazione gradita a tutti voi... buona lettura

 

LABORATORIO CREATIVO PER BAMBINI in occasione della Mostra di Giorgio Morandi 1890-1964

 

Leggi la locandina per ricevere ulteriori informazionilotto-giorgio-morandi-3

Come devo agire?

Inviata da martina. 30 Gennaio 2015 18 Risposte

Salve..sono una donna di quasi 29 anni,ho alle spalle un percorso di psicoterapia che mi ha aiutata molto,sopratutto nel levarmi dalla testa determinati sensi di colpa ma non solo,sono cambiata in meglio e sono diventata una persona responsabile e sincera..tutto ciò va benissimo,ma ha un rovescio della medaglia,ho iniziato a vedere mia madre con occhi diversi,oggettivi e ciò che ho capito non mi è piaciuto ma ho cercar di accettarlo,sutbito credevo di esserci riuscita,mentre adesso a distanza di qualche anno mi trovo nella condizione in cui non tollero una sola parola di quello che dice la trovo assurda fuori luogo e comunque molto differente da come vedo e affronto la vita io..tutto ciò si scatena sopratutto a causa di mio fratello,che più piccolo di me sta avendo all incirca gli stessi problemi che ho avuto io con nostra madre,la quale vorrebbe da me appoggio ma alla quale non riesco a darne perché secondo me ê in errore..tutto ciò mi sta portando all ansia e ora non ê il momento visto che sono nel pieno della mia seconda gravidanza...secondo lei dovrei ricontattare la mia psicologa?

 

tratto da www.guidapsicologi.it

 

RISPONDE Dr.ssa Cristiana Salvi

 

Cara Martina, rispetto alla tua richiesta se ricontattare o no la tua terapeuta mi sembra utile evidenziarti il fatto che durante il periodo gestazionale è consigliato evitare dei lavori emotivi sul profondo proprio perchè la donna attraversa un momento in cui le paure si riaprono e la fragilità è costante. nel caso la tua terapauta fosse abilitata a esperienze nella preparazione al parto ti conosiglierei di organizzare il lavoro in tal senso, questo ti permetterebbe comunque di recuperare il vissuto di sostegno e appoggio e lavorare sulle sensazioni positive utile in questo momento della tua vita. Sii fiduciosa che sicuramente il lavoro svolto è ormai una tua capacità e risorsa e i risultati nonostante le difficoltà che senti ad oggi non ti hanno abbandonato. Spero di esserti stata utile nella fase di questa scelta.
Ti auguro una serena e gioiosa gravidanza
Un caro saluto
Dr.ssa Cristiana Salvi

Pubblicato Ieri, 03 Febbraio 2015

Bipolare

Inviata da Letizia. 20 Febbraio 2015 9 Risposte

salve,sono letizia,40 anni.
18 anni fa ,quando ho avuto la prima figlia ho avuto una depressione post-parto molto forte.
mi sono curata con psicofarmaci cambiando diversi medici.durante il corso degli anni sono stata meglio e poi di nuovo male ,ora soffro di disturbo bipolare.con un nuovo medico.ora sto male di nuovo.ma sarà possibile di non trovare la via giusta per stare bene una volta per tutte?

 

tratto da www.guidapsicologi.it

 

RISPONDE Dr..sa Cristiana Salvi

 

Salve Letizia,
sulle informazioni da lei fornite mi sento di incoraggiarla ad affrontare la situazione, di non mollare ma anzi di andare fino in fondo. i disturbi dell'umore spesso richiedo un supporto farmacologico ma per un miglioramento e risoluzione del problema necessitano di un lavoro importante dal punto di vista terapeutico.
Vorrei incoraggiala nell'approfondire il percorso di vita di questo disturbo, per potersi sentire traquillizzata sul decorso dei sintomi. non possiamo ammalrci all'improvviso, spesso nella nostra vita risulta una traccia del nostro dolore e malessere.
Le auguro il meglio
un saluto
Dr.ssa Cristiana Salvi, Psicologa e Psicoterapeuta Funzionale, Roma

Pubblicato Ieri, 24 Febbraio 2015

Conflitto interiore pensieri forti e ossessivi

Inviata da manuel. 27 Gennaio 2015 11 Risposte

Salve a tutti sono un ragazzo di 25 anni...fin da piccolo sono sempre stato timido ma non mi facevo un gran problema all'inizio...poi all'età di 15 anni data la mia situazione famigliare che mi ha costretto ad avere poche amicizie e trovandomi quindi quasi sempre solo ho notato che la mia timidezza o altro comunque mi davano problemi a stare insieme ai miei coetanei e da lo iniziano i problemi. .questo è il problema di partenza ma adesso c'è un problema ancora pii grande che mi sono creato io stesso. Da quando avevo circa 17 anni mi sono dato alla lettura a libri di meditazione ecc e mettevo in pratica solo le tecniche con la speranza che potessero cambiarmi ma dopo circa 2 anni di testardaggine mi sono creato dentro di me un sistema forte di pensieri che oggi mi turbano tantissimo...non riesco a vivere senza pensiero forti ossessivi ripetitivi che proprio mi tolgono l attenzione. ..io per stare diciamo non male devo proprio tenere duro e bloccare questi pensiero forti. So che bisognerebbe lasciare in qualche modo di non bloccarli ma io proprio non riesco a conviverci ma portano la mente ad uno stato di pazzia e perdo il controllo e mi sento troppo male. Premetto che non sono mai riuscito a ricostruirsi una vita sociale quindi i miei bisogni di divertimento di condivisione ecc sono chiusi bloccati. Che consiglio mi date.? .grazie tanto..saluti manuel

 

tratto da www.guidapsicologi.it

 

RISPONDE Dr.ssa Cristiana Salvi

 

Caro Manuel, mi dispiace per quello che scrivi perchè immagino che la situazione da gestire è molto complessa e difficile da risolvere da solo. il tema centrale di cui tu parli è proprio il controllo, sarebbe utile conoscere meglio la tua vita per capire come sicuramente da piccolo fino ad oggi questo funzionamento si sia alterato lentamente fino a portarti ad oggi a rimuginii e pensieri continui dai quali non riesci a staccarti. un lavoro terapeutico integrato è quello che sarebbe necessario, si tratta di un lavoro che lentamente ti può permette di recuperare quella capacità di allentamento sano che hai perso, è ovvio che da solo non si può fare. La metodologia Funzionale è una di queste. Mantenere attività come yoga, meditazione potrebbero essere un aiuto al lavoro di terapia ma da sole non risolvono il problema come già tu hai visto. putroppo con il passare del tempo i disfunzionamenti possono peggiorare pertanto ti suggerisco di riflettere sull'idea di intraprendere un lavoro su di te.
Un in bocca al lupo grande...
Dr.ssa Cristiana Salvi

Informativa Breve sui Cookie

Per mantenere attive le funzionalità offerte da questo sito e dagli altri cui è connesso, e per permetterti di registrarti al portale, scorrere gli eventi, lasciarci il tuo contributo, dobbiamo raccogliere alcune informazioni in forma di cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy & cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina sottostante, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.